51WknJhLOHL._SY264_BO1,204,203,200_QL40_ML2_.jpg

Una raccolta di storie che tiene col fiato sospeso, come i migliori racconti d'avventura sanno fare, ma con in aggiunta il brivido della vita vissuta. Un atleta entrato nel mito, un uomo che ha scritto la storia dell'alpinismo, ci conduce con lui su sentieri impervi e tra rocce scoscese, dal Monte Bianco, alla Patagonia, alla salita in solitaria della parete Nord del Cervino. In quello che è diventato un classico della letteratura di montagna, Walter Bonatti ripercorre le imprese indimenticabili che hanno costellato i quindici anni della sua grande stagione alpinistica, fino alla sofferta decisione di chiudere con quel mondo per dedicarsi all'avventura e all'esplorazione.

 Essere cittadini del mondo.
È la descrizione che fa Walter Bonatti di un periodo meraviglioso della sua vita in cui ha scoperto luoghi fantastici esattamente come se li era immaginati leggendo, durante la sua infanzia, i libri di autori avventurosi a lui tanto cari. Ha vissuto tutto ciò sulla sua pelle, in solitudine per ritrovare un contatto autentico e puro con la natura e se stesso. Bonatti è uno scrittore fantastico che ha il potere di farti sembrare partecipe dei suoi viaggi.
Cliente Amazon

      ABRUZZO
Abruzzoom consiglia

51VfnyFTPNL._SX262_BO1,204,203,200_.jpg

Le carte regionali 1:200.000 comprendono la rete viaria dettagliata con le caratteristiche di ogni strada. Ricca la classificazione delle località di interesse turistico e le indicazioni relative alle aree naturali protette. Sul retro delle carte l'indice dei nomi accompagnato dalla tabella delle distanze chilometriche tra le principali località. La leggibilità e l'autorevolezza dell'informazione fanno di queste carte un perfetto strumento stradale, in linea con la grande tradizione Touring.

B08668N8FG.01._SCLZZZZZZZ_SX500_.jpg

Centinaia di immagini e la cartografia Touring con il consueto dettaglio: itinerari, piante di città, la carta stradale della regione Oltre 700 indirizzi utili: informazioni pratiche, indirizzi dove dormire, ristoranti e locali, spunti per il tempo libero e lo shopping.

51r-5neZVQL._SY264_BO1,204,203,200_QL40_ML2_.jpg

La nuova edizione della carta escursionistica del Parco d'Abruzzo in scala 1:25.000, in materiale impermeabile e antistrappo, dettagliata e aggiornatissima, è lo strumento ideale per programmare escursioni a piedi o in mountain bike nella magnifica natura del più antico Parco Nazionale d'Italia. Apprezzata per l'elevata qualità tecnica e la ricchezza di informazioni, questa edizione presenta, oltre a tutti i sentieri segnati, anche i tracciati dei percorsi cicloescursionistici più belli che offre il territorio. Sono indicati inoltre i rifugi e i servizi situati nell'area protetta e nelle zone circostanti.

51K48sUzy4L.jpg

Ci sono luoghi la cui bellezza è quasi paga di sé e l’energia vitale è capace di contagiarci con la sua insinuante malia. In Abruzzo la natura ti coinvolge. Ci sono le montagne, come la Maiella – la Montagna Madre, sacra alla dea Maia – o la Bella Addormentata, indimenticabile nel rosso aranciato dei tramonti. Ci sono i boschi dove si incontrano ancora orsi e lupi. C’è il mare, l’Adriatico cantato da d’Annunzio, e la poesia dei trabocchi sospesi su maree profumate d’Oriente. I laghi si fanno porte d’accesso su mondi che paiono magici; all’escursionismo, alle immersioni avventurose nella natura, si affianca il turismo dell’anima, il turismo del mistero, il turismo del cuore… Siamo nelle terre in cui l’ingegno umano è celebrato da capolavori artistici che hanno incantato nei secoli i viaggiatori, da prodezze architettoniche ma anche dalla varietà della cucina, delle ricette, dei magnifici vini. In Abruzzo si riscopre la fierezza delle misteriose civiltà che dominarono prima dei Romani. Mura megalitiche o castelli, borghi antichi o tratturi mediterranei: il passato riaffiora ovunque in storie di saraceni e paladini, donne speciali e miracoli inattesi, briganti e re in fuga… Mentre l’Abruzzo di oggi si scatena nella movida più trendy, tra Star Party e Street Party, festival del jazz, della danza e del cinema, aprendosi al futuro nella sua ferita ma irriducibile bellezza che i 101 suggerimenti di questo libro provano a catturare.

41iqXxQ3k+L._SX353_BO1,204,203,200_.jpg

Un'amicizia durata poco più di tre anni. Dai primi di marzo del 1987 a quella tragica notte di maggio del 1990 quando, davanti a una camomilla mai consumata, lo stanco cuore di Giorgio decise che per lui, la nostra amicizia e la vita del suo padrone, sarebbe finita lì, nella cucina dell'interno otto di via Chinotto otto. Tutto ebbe inizio da quel curioso indirizzo. Dovevamo partire per un lungo reportage sull'Abruzzo. Più di tre mesi da passare insieme. Lo chiamai al telefono per la partenza fissata per il giorno dopo e lui mi chiese: "Dove ci incontriamo?", "Non si preoccupi, passo a prenderla a casa. Dove abita?", "In via Chinotto otto... ha presente via Coca Cola di Rienzo?" Il nostro viaggio alla scoperta dell'Abruzzo non poteva cominciare in maniera migliore. Questo diario di viaggio vuole essere, prima di tutto, un omaggio all'amico che se ne è andato senza salutare. E non era da lui. Poi, una cronaca minima della sua massima "riscoperta" dell'Abruzzo che aveva fugacemente visitato da giovane partendo da Milano in Lambretta ma poi non aveva più visto.

51Hp+-mjwjL._SX331_BO1,204,203,200_.jpg

Nella regione dell'orso e del lupo, dell'aquila reale e del fringuello alpino, il manuale in italiano e inglese offre un documentato contributo alla conoscenza della fauna vertebrata della regione Abruzzo e si propone come strumento prezioso non solo per turisti curiosi ed esigenti, ma anche per ricercatori, studenti, operatori della pubblica amministrazione, gestori delle aree protette, gestori della fauna. La guida è arricchita da più di trecento foto a colori e dall'indice aggiornato della fauna vertebrata terrestre in Abruzzo e, così come le più note guide dei sentieri, è suddivisa per itinerari con indicazioni relative alle modalità e ai migliori periodi per contattare le diverse specie osservabili e ai piccoli "trucchi del mestiere" per rilevarne la presenza.